Jazz italiano per L’Aquila, postazioni in allestimento

foto 5 (1)Una corsetta fra le 18 postazioni del centro storico a due ore dal via ufficiale della maratona “il Jazz italiano per L’Aquila”. Dal Castello cinquecentesco a piazza Chiarino fino alla Fontana delle 99 Cannelle, dove per scelta degli organizzatori è stata lasciata aperta l’acqua che farà da sottofondo agli arrangiamenti

L’Aquila, lo sfogo dei comitati: vogliono vietarci di manifestare

matteo_renzi_aquila_contestazioni_01

Mobilitazioni come quella in occasione della visita di Renzi dimostrano che i territori abruzzesi possono lottare insieme: non ci si salva da soli e le vertenze vanno unite perché riguardano l’intera comunità e sono tutte collegate alla sua salvaguardia». A mente fredda, qualche giorno dopo le tensioni di martedì 25 agosto, alcuni dei comitati spontanei presenti hanno voluto fare il punto su quanto accaduto per prendere le distanze da «una narrazione che non rispecchia le vere istanze a di chi era in piazza a manifestare legittimamente e senza ricorrere alla violenza, scaturita più che altro da una gestione dilettantesca dell’ordine pubblico in cui ci si è preoccupati solo di evitare che il premier venisse fischiato in pubblico». Continua a leggere

Sisma, aziende agricole penalizzate

20150218_141709_resizedOFENA. A sei anni dal sisma, sono ancora decine le aziende agricole che contano danni per centinaia di migliaia di euro a capannoni, rimesse e attrezzature. Molte attività dell’area del cratere, già provate dalla crisi del settore, si trovano nell’impossibilità di anticipare gli interventi di ripristino delle strutture in attesa del contributo erogato dalla Regione attraverso la misura 1.2.6.-Psr 2007-2013 (interventi di ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e introduzione di adeguate misure di prevenzione). Di fatto, a differenza di tutti gli altri interventi inerenti la ricostruzione post sisma, anche l’Iva resta a totale carico delle imprese agricole destinatarie di contributo. Una cifra importante se si considera che esistono delle aziende che contano qualcosa come 2,5 milioni di euro di danni.

Continua a leggere

Un Don Chisciotte con la mano nel cappello

Miguel de Cervantes, nello scrivere il suo Don Chisciotte non poteva certo immaginare quanta fatica si fa nel portare in scena le gesta del fantastico hidalgo. Specie se a provarci è una comunità di disabili, i cui volontari hanno poca dimestichezza con cavalli e cavalieri. Ma ecco che in aiuto del gruppo arrivano tre nuove leve del servizio civile che – per vari motivi – si trovano ad affrontare questo percorso insieme. Si gioca su queste premesse il film “La mano nel cappello”, un lungometraggio che nasce da un progetto in parte finanziato dal fondo 8xmille della Chiesa valdese.

Continua a leggere

Ecco chi vuole un’altra città di nome L’Aquila

Immagine

Una costituente civica in grado di portare avanti le istanze della parte della città che crede ancora «che si possa ricostruire in sicurezza e senza frodi», ma anche un consiglio comunale straordinario da convocare entro lo scadere dei 20 giorni dalle dimissioni di Massimo Cialente. Continua a leggere

Universiadi, bronzo all’Italia grazie a due sorelle “aquilane”

Image

Le universitarie aquilane Francesca e Giulia Lollobrigida trascinano l’Italia dello speed skating (pattinaggio di velocità in pista lunga) conquistando un bronzo nell’inseguimento a squadre alle Universiadi invernali in Trentino. Si chiude con questo successo la partecipazione delle due sorelle capitoline, parenti alla lontana con l’attrice internazionale Gina e iscritte all’Aquila nella facoltà di Scienze Motorie. Continua a leggere

Ritratto di Simona Molinari

Immagine

La magia dell’Aquila nella voce di un’artista che ama il jazz e il pop – il Centro

Era l’estate del 2008, in piazza Machilone all’Aquila non c’erano ancora i puntellamenti e Simona Molinari non era ancora Simona Molinari. Ma era difficile passare davanti al gruppo jazz che suonava di fronte all’Evoè senza restare affascinati dalla sua voce e dal suo maxi pool nero con una spallina scesa. Batteria, contrabbasso, piano, sax e voce per una piccola jam in un angolo della città vecchia. Insieme a Simona, sul palchetto allestito alla buona su un marciapiede, c’erano Raffaele Pallozzi, Fabrizio Pierleoni e Fabio Colella. Continua a leggere

Sportissimamente, la notte dello sport che tifa per la pace

Immagine

«Teramo tifa per la pace». Quanto è bello lo striscione bianco posto sul palco alla fine della scalinata che sta alle spalle del Duomo. Quella stessa scalinata dove, qualche settimana fa, si sono esibite le miss in bikini bacchettate dal vescovo. La stessa che ieri, invece, ha visto il sindaco Maurizio Brucchi esibirsi in un’inedita prestazione di “walking”. Inedita almeno per chi non frequenta la palestra Energia New. Continua a leggere

Quelli che restano… sulle transenne della città vecchia

625509_222338811240237_1676034014_n

Sul tavolo di legno un po’ di chorizo, un bicchiere di vino rosso e una tapa di carciofi e jamón serrano. Dalle casse una vecchia  buleria scandita dalle corde vocali del Camarón e, sulle pareti, bassorilievi ispirati alla tauromachia. Chiudi gli occhi e ti immagini in una grotta del Sacromonte, anche se non hai mai lasciato via Navelli, nel cuore del centro storico puntellato e transennato dell’Aquila a tal punto che si può entrare solo da un capo del vicolo. Dietro al bancone c’è Manuel Pucciarelli, fresco fresco di laurea all’Accademia delle Belle Arti. Continua a leggere

L’Aquila, musica per resistere dentro e fuori la zona rossa

(fonte il Centro)

Immagine

I tuffi dalle sei corde di Flavio Giurato, l’atmosfera Indie stile “The Niro” e il punk italian-style dei Gang. Atmosfere acustiche ed elettriche rivivono nei locali dell’Aquila: tutto in una notte. Giurato si è esibito al ridotto del Teatro comunale, un concerto  organizzato dall’associazione culturale “l’Idea di Cleves”, nell’ambito della rassegna di musica e canzoni «Gong ‘Oh». Il tuffatore della canzone d’autore ha proposto il suo repertorio di brani composti tra la fine degli anni settanta e l’inizio degli ottanta, considerati tra i migliori della musica d’autore italiana, regalando alla città un’anteprima del suo ultimo album “La scomparsa di Majorana” album al quale Giurato sta ancora lavorando e che uscirà tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013.

Guarda le foto

Continua a leggere