La Mano nel cappello, uno sguardo oltre i mulini al vento

image (2)

«Vossignoria non muoia signor mio, pigli il mio consiglio, badi a vivere, ché non può fare l’uomo peggiore bestialità in questa vita del lasciarsi morire così alla babbalà, senzaché nessuno lo ammazzi né altre mani lo finiscano fuorché quelle della malinconia».

Le parole di Sancho Panza rivolte a un don Chisciotte in punto di morte, rivelano forse quello che è il senso di un libro che continua ancora oggi a ispirare progetti creativi. Uno di questi è “La mano nel cappello”, il film realizzato all’interno della Comunità per disabili XXIV luglio. Continua a leggere

Un Don Chisciotte con la mano nel cappello

Miguel de Cervantes, nello scrivere il suo Don Chisciotte non poteva certo immaginare quanta fatica si fa nel portare in scena le gesta del fantastico hidalgo. Specie se a provarci è una comunità di disabili, i cui volontari hanno poca dimestichezza con cavalli e cavalieri. Ma ecco che in aiuto del gruppo arrivano tre nuove leve del servizio civile che – per vari motivi – si trovano ad affrontare questo percorso insieme. Si gioca su queste premesse il film “La mano nel cappello”, un lungometraggio che nasce da un progetto in parte finanziato dal fondo 8xmille della Chiesa valdese.

Continua a leggere

L’Aquila, ho fatto un sogno

Buttati fuori casa una notte di ormai quattro anni fa. Case vuote, tendopoli blu, elicotteri sulla testa tutto il giorno, i morti, i feriti, la solidarietà, i media,  il G8, Obama, le inaugurazioni, le cittadinanze onorarie, Gheddafi in città, il progetto case, i televisori al plasma, le demolizioni, le carriole, le macerie, l’auditorium di Renzo Piano, il centro storico deserto.

E se fosse stato tutto un sogno?

di Francesco Paolucci e Luca Serani

Fonte