La Mano nel cappello, uno sguardo oltre i mulini al vento

image (2)

«Vossignoria non muoia signor mio, pigli il mio consiglio, badi a vivere, ché non può fare l’uomo peggiore bestialità in questa vita del lasciarsi morire così alla babbalà, senzaché nessuno lo ammazzi né altre mani lo finiscano fuorché quelle della malinconia».

Le parole di Sancho Panza rivolte a un don Chisciotte in punto di morte, rivelano forse quello che è il senso di un libro che continua ancora oggi a ispirare progetti creativi. Uno di questi è “La mano nel cappello”, il film realizzato all’interno della Comunità per disabili XXIV luglio. Continua a leggere

La mano nel cappello, un film-laboratorio all’Aquila

Il cinema e l’arte come terapia oppure come strumento per raccontare la disabilità, per renderla meno distante dalle nostre vite “normali”, ma anche per far emergere disagi e denunce, come in Vietato ai disabili di Fabio Masi (2014), solo per citare un esempio recente; è in questo ambito che si colloca il lavoro di Francesco Paolucci, regista e sceneggiatore di La mano nel cappello, insieme a Giuseppe Tomei e Luca Serani.

Continua a leggere