6 aprile, la fiaccolata del ricordo e della protesta sileziosa

Capture-1

Migliaia di persone hanno partecipato, nonostante il freddo pungente e la concomitanza con la ricorrenza della Pasqua, alla fiaccolata di commemorazione delle 309 vittime del sisma che seminò distruzione all’Aquila nel sesto anniversario della tragedia: un corteo silenzioso, ma polemico nei confronti della magistratura per la recente assoluzione in appello di sei componenti su sette della Commissione Grandi Rischi, e al quale non hanno partecipato, per la prima volta da cinque anni, rappresentanti del Governo. Continua a leggere

Annunci

Hai un’idea? All’Aquila puoi farla crescere

Capture-1

Rendering e progetti tridimensionali, applicazioni per mobile e sul web, ma anche dispositivi sanitari con tecnologie sperimentali. Tutto questo e molto altro fa parte del network Nrg Sys, un cartello di imprese con base all’Aquila, ma che registra circa l’80% del fatturato all’estero. L’imprenditore Nico Ciambrone è il general manager di questo cartello di cui fanno parte alcune aziende start up medio-piccole (il sito web di riferimento è http://www.nrgsys.it). Continua a leggere

Bcc Roma e la presenza nell’area del Cratere

IMG_8574La Banca di credito cooperativo di Roma si conferma una risorsa importante per L’Aquila grazie alla sua solidità organizzativa, commerciale e patrimoniale. Siamo l’unica banca del territorio. Se qualcuno vuole ottenere prestiti da altri istituti deve rivolgersi o in Emilia o a Milano. La nostra banca continuerà a dare seguito all’impegno sociale coniugando una sana gestione con il sostegno al comprensorio in cui opera”. Lo ha detto Francesco Liberati, presidente della Banca di credito cooperativo di Roma, nel corso dell’incontro con i soci, che si è svolto ieri, all’Aquila.

Continua a leggere

L’Aquila, 32 scatti nel silenzio della zona rossa

DSC_0295_4La reflex di Antonio Siringo, fotografo di Rolling Stone, cattura angoli e scorci del centro storico. Il silenzio di una zona rossa, pressoché immutato dal sisma. Pochi sguardi al passaggio sui sampietrini disegnano i contorni di un presente morbido.

L’INIZIATIVA: Hpdb, musica e arte per ricostruire

Continua a leggere

Cinema e psichiatria: Rubini e la realtà virtuale

hvr-z5

 Dell’arrivo di Sergio Rubini in pochi si accorgono. L’attore-regista – icona di un cinema underground anche quando sbanca il botteghino – si fa strada tra la gente seduta sulle gradinate dell’auditorium Sericchi. La proiezione è già avviata da un po’: due terzi del pubblico hanno gli occhi incollati sul grande schermo, il resto fissa un monitor più piccolo montato su una colonna. Una ragazza schiaccia distrattamente l’iconcina per aggiornare la pagina del motore di ricerca del suo iPhone, ma non c’è campo. Sullo schermo scorrono i fotogrammi del «Boom» di Vittorio De Sica. Immagini in bianco e nero di un’epoca così diversa e così uguale alla nostra. Continua a leggere

Vagli a spiegare del 6 aprile

(di Chiappanuvoli)

Immagine

Vaglielo a spiegare che non siamo più gli stessi di prima! Per quanto ci si sforzi di ignorare, per quanto ci si sforzi di tornare a vivere, a scherzare, a bersi una birretta a Viale della Croce Rossa, non siamo più gli stessi di prima. Vaglielo a spiegare che la tua visione della vita non è più come la loro visione della vita. Vagli a spiegare che la nostra scala dei valori si è rivoluzionata! Vaglielo a spiegare che tu hai tremato con la terra e con essa ha tremato tutta la tua esistenza e con essa tutto ciò che credevi reale! Vaglielo a spiegare che non ci sono state tappe intermedie, che non hai avuto tempo di capire, di metabolizzare, come può un medico o un becchino. Tu la morte te la sei ritrovata dentro casa, l’hai respirata con la polvere e col sangue nel tuo letto. Vaglielo a spiegare che le cazzate che ti dicono già non hanno più effetto su di te, che ti scivolano addosso, come il tuo dolore scivola addosso ai politici! Vaglielo a spiegare cosa significa ritrovarsi con 309 fratelli in meno. Vagli a spiegare che significa averne 69691 in più! Vagli a spiegare che significa ritrovarsi senza una casa, un tetto, senza una città, una storia ed un futuro! Vaglielo a spiegare che significa essere Aquilano oggi, spiegagli che significa essere Aquilano il 6 Aprile!

Continua a leggere

Ecco la città dei nuovi poveri (fonte il Centro)

Centinaia di famiglie in difficoltà con lo spettro di mutui e bollette

di Giustino Parisse

L’AQUILA. C’è un terremoto che nessuno racconta. E’ un terremoto ancora nascosto sotto le macerie dei crolli, disperso nel caos di una città senza più punti di riferimento, affogato nell’incertezza di una vita precaria. E’ il terremoto dei poveri. Per rendersene conto non bisogna andare all’Aquilone o alle mille occasioni in cui si inaugura, si presentano libri e mostre, si ascoltano per ore le chiacchiere dei politici che assicurano, garantiscono, promettono.

Leggi l’articolo originale

Continua a leggere