A Bruxelles coi sindaci a caccia di risorse Ue

euro

BRUXELLES. #NoAusterity #RipDemocracy. I manifesti sulle porte delle stanze degli esponenti Efdd hanno i colori della piazza. Segno di un’Europa che vuole ritrovarsi unita, ma che vuole anche affrancarsi da parametri e «regole di ingaggio» troppo stringenti per le forze dei singoli Paesi. Quei colori rassicuranti di una bandiera della pace che spunta sul personal computer dell’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Daniela Aiuto mai stanca di spiegare che si può essere euroscettici e lavorare, comunque, settimanalmente per affermare le proprie idee in commissione. VIDEO

Una grinta che magari non ti aspetti da una 39enne che da qui a qualche settimana darà alla luce il suo quarto figlio, una femminuccia dopo i primi tre maschietti, William, Alessandro e Francesco. Che si tratti di rilanciare misure di architettura sostenibile, di innovazione energetica oppure perseguire una battaglia tutta personale come la lotta al pannolino usa e getta giudicato a suo dire «troppo impattante per l’ambiente e quindi da mettere al bando», l’entusiasmo è lo stesso.

La Aiuto concilia il suo impegno nelle commissioni trasporti e pari opportunità, con delle iniziative orientate all’Abruzzo. «In questa sede posso raccogliere le istanze della mia terra», spiega, «tanto si può fare per rilanciare la nostra regione con una politica ispirata da un’economia sostenibile. Servono azioni concrete e trasparenti, per questo mi trovo talvolta a chiedere chiarimenti su operazioni “particolari” come la nascita dell’azienda unica dei trasporti». Nasce da queste premesse la scelta di convocare periodicamente a Bruxelles imprenditori, amministratori locali, ma anche singoli elettori. Queste visite sono possibili grazie a delle risorse stanziate ad hoc dall’Ue per sostenere proprio dei programmi volti a permettere di conoscere da vicino il Parlamento europeo. La settimana scorsa è stato il turno di alcuni sindaci dell’area Frentano-Vastese. È stato Ludovico Monforte, dipendente di Unioncamere Lombardia a fare il punto sulle risorse Ue a gestione indiretta, stanziate cioè dalla Commissione Europea ma gestite dalle autorità statali, regionali e locali anziché direttamente dall’Ue attraverso bandi. Mentre il programma Por 2007-2013 è in fase di liquidazione, la partita si gioca tutta per i prossimi sette anni. «Chiamata a fare delle scelte precise», ha spiegato Monforte, «l’Abruzzo ha detto di voler orientare in modo deciso il Por 2014-2020 verso il sostegno ai settori produttivi, nella speranza che il rilancio del sistema delle imprese potrà garantire una ripresa della crescita e dei livelli occupazionali».

VIDEO: L’Abruzzo e le scelte sui fondi strutturali
 L’obiettivo è anche quello di favorire interventi infrastrutturali, iniziative di efficientamento energetico e mitigazione del rischio alluvionale. «L’Abruzzo punterà anche», ha aggiunto, «alla valorizzazione delle risorse nazionali e culturali e al rilancio delle aree agricole e rurali». Un focus specifico sarà dedicato ai Comuni del Cratere, così come ad altre zone in difficoltà (Valle Peligna, Val Pescara, Val Sinello, Val Vibrata). La dotazione finanziaria complessiva 2014-2020 raggiunge 836 milioni di euro. Il Por Fers sarà di 261 milioni di euro (la metà è coperta dall’Ue. Il Por-Fse vedrà un ammontare di 142 milioni, mentre i fondi Feasr (investimenti agricoli) arriveranno a 432 milioni di euro «una fetta di torta importante anche per tanti piccoli comuni dell’entroterra abruzzese».
IMG_0993Accompagnati da Pescara dal marito della Aiuto, Maurizio Pozzolini, sono questi gli amministratori locali che hanno fatto parte della delegazione: Tonino Marcello (Provincia di Chieti), Saverio Di Giacomo (sindaco di Monteodorisio), Massimiliano Berghella (sindaco di Treglio), Tony Faga e Vincenzo Ialacci (consiglieri di San Salvo), Enrico Di Giuseppantonio (sindaco di Fossacesia), Valentina Fitti (consigliere di Cupello), Raffaele Verratti (sindaco di Sant’Eusanio Del Sangro), Vincenzo Tartaglia (vicesindaco di Pollutri).

di Fabio Iuliano fonte il Centro

TrackBack Identifier URI