Sportissimamente, la notte dello sport che tifa per la pace

Immagine

«Teramo tifa per la pace». Quanto è bello lo striscione bianco posto sul palco alla fine della scalinata che sta alle spalle del Duomo. Quella stessa scalinata dove, qualche settimana fa, si sono esibite le miss in bikini bacchettate dal vescovo. La stessa che ieri, invece, ha visto il sindaco Maurizio Brucchi esibirsi in un’inedita prestazione di “walking”. Inedita almeno per chi non frequenta la palestra Energia New. Musica e danza di strada con atmosfere afro, jazz e rock easy listerning. In scena anche la Mo’ Better Band.

Sbandieratori, giocolieri, trampolieri, ma anche nuotatori, sub e pattinatori. Tutti ansiosi di far conoscere la propria disciplina, stuzzicando la curiosità dei passanti con esibizioni estemporanee. Sul corso e tra i vicoli pallavolo, basket, calcio, ciclismo, arrampicata sportiva, spinning, baseball e nuoto.

c42a7d89-495a-4ad2-b198-0cb62b286db6_800Alle porte del centro persino un “autodromo”. Per una notte, come ormai succede da cinque anni, le strade si sono trasformate in campi sportivi, dagli sport più classici, alle arti marziali, per arrivare alle dimostrazioni acrobatiche. Una città in festa, con 100 attrazioni da corso Cerulli a corso De Michetti e corso san Giorgio passando per largo San Matteo, piazza Cellini, piazza Orsini e piazza Martiri della Libertà. Taglio del nastro insieme al governatore Gianni Chiodi, l’assessore regionale Mauro Di Dalmazio e l’assessore comunale allo Sport Guido Campana che ha organizzato e promosso l’evento insieme al Coni, rappresentato dal presidente provinciale Italo Canaletti. Dietro il nastro tricolore anche la ginnasta Fabrizia D’Ottavio e la campionessa italiana di tennis, Silvia Farina, mentre la schermitrice e deputata Valentina Vezzali, ospite in mattinata della sala polivalente della Provincia, è andata via subito dopo.

A dare il via, anche miss Abruzzo, Giulia Belmonte, incoronata proprio in piazza Martiri. «Questa manifestazione è veramente bella e originale», commenta la D’Ottavio, in piazza Orsini, nello spazio allestito per la ritmica, accompagnata da mamma e papà. «Non mi aspettavo di vedere così tanta gente. Sono contenta di essere stata scelta come madrina di un’iniziativa che contribuisce alla diffusione dei valori dello sport».

3e1d6e5c-332c-472d-b772-ad694e5401ee_800Ma in un momento così delicato per gli equilibri internazionali, con il rischio del conflitto in Siria, gli organizzatori hanno voluto dedicare indirizzare la quinta edizione di Sportissimamente verso un messaggio di pace. E poi, spazio alla musica e al ricordo con le “Note su ali di farfalla”, dedicata a Federica Moscardelli e Serena Scipione, due studentesse teramane morte sotto le macerie del sisma aquilano. Sul palco, tra gli altri, Cristiano Godano dei Marlene Kuntz, Cristina Donà Cisco, ex Modena City Ramblers.

Contemporaneamente, a Montorio al Vomano c’è stato il concerto dei Marta sui Tubi nell’ambito degli appuntamendi “Una vetrina del Parco 2013”. Sul palco, in apertura, la band emergente Shijo X, un gruppo rivelazione nell’underground. Il resto, lo hanno fatto negozi, bar e musei aperti sino a tardi.

di Fabio Iuliano – Liveblog

 

Annunci

TrackBack Identifier URI