Superman 2.0

Clark Kent lascia la carta stampata, si licenzia. Il giornalista più famoso dei  fumetti abbandona la sua professione. Superman si mette al passo coi tempi entrando nel web 2.0 . 

(di Luana Giacovelli – fonte La Stampa)

Clark Kent, alterego di Superman, si licenzia. Il goffo reporter del Daily Planet cambia mestiere e abbandona il quotidiano di Metropolis per diventare un blogger.

 

La Dc Comics, editrice che pubblica le storie di Superman, ha deciso di evolvere il personaggio e nel tentativo di diffondere le sue idee a un pubblico più giovane e ampio, i reportage di Clark Kent migrano in un blog. Nato Kal-El, il kryptoniano è “atterrato” sul Mondo nel 1938, grazie agli autori Jerry Siegel e Joe Shuster. “L’Uomo d’acciaio” è un comunissimo giornalista che lavora nella redazione del Daily Planet, quotidiano di Metropolis, città in cui in crimine non manca. La sua vita quotidiana scorre accanto a Lois Lane, giovane promessa del giornalismo che lavora al suo fianco e che diventerà sua moglie.

Clark ha però una doppia vita e una missione: combattere il male, spesso rappresentato da Lex Lutor, capitalista e industriale corrotto caratterizzato da una personalità sociopatica. Nella lotta Clark si trasforma e indossando costume blu e mantello rosso diventa: Superman.Superman è l’eroe di cui tutti avremmo bisogno, ha una super-forza, super-udito, è super-veloce, ha il super-soffio, si rigenera dalle ferite all’istante, può volare, ha la vista a raggi X e la vista calorifica ed è invulnerabile. Come tutti i Supereroi però, anche lui ha un tallone d’achille: la Kryptonite, minerale verde residuo di un meteore di Krypton; alla sua presenza Superman perde tutti i poteri.

Superman bloggerà dal prossimo numero in uscita, ad annunciarlo lo sceneggiatore del fumetto, Scott Lobdell, che ha confidato al quotidiano Usa Today: «Questo è ciò che realmente accade a un ragazzo di 27 anni come Clark, un ragazzo costretto a stare dietro una scrivania a scrivere ciò che gli viene assegnato, caricandosi di preoccupazione che non sono davvero sue, molto meglio mettersi in proprio e aprire un blog,dove esprimere liberamente il proprio pensiero».

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...