Recensione-Lithium 48- Fabio Iuliano – tra rock e follia

Mille Splendidi Libri e non solo

Titolo: Lithium 48

Autore: Fabio Iuliano

Edizione: Aurora

Mi sento in gabbia, ma il problema non è tanto questo. Esistono gabbie di ogni forma e dimensione. A forma di ufficio, a forma di palco, persino a forma di studio televisivo. Le banche di cui parlavaBert, lo spazzacamino. L’amico di Mary Poppins. Non abbiamo mai dato la giusta importanza a ciò che ci facevano vedere da piccoli:Mary Poppins, ad esempio, ci insegnava a diffidare dellebanche. Meglio spendere due penny per far mangiare piccioni,piuttosto che far mangiare maiali.

Fabio Iuliano,giornalista e docente di lingue straniere, firma un nuovo e particolare romanzo dal titolo Lithium 48, edito da Aurora.

Lithium come i sedativi somministrati in una clinica psichiatrica francese; 48 come le ore ripercorse da Simone, blogger e musicista ricoverato per un TSO in…

View original post 613 altre parole

Annunci

Giorno 531. Fabio Iuliano racconta Lithium 48

vivere in centro e altre storie

Giornalista, musicista, blogger, Fabio insegna inglese.

Lithium 48 è la sua seconda pubblicazione. Ne abbiamo parlato a casa mia.

Insieme abbiamo deciso di pubblicare l’intervista integrale, senza tagli. Ci andava così. Anche se era venuta meglio quella che non abbiamo registrato, convinti del contrario.

View original post

Motasemper press: online il nuovo blog

Capture-1

 

Questo blog non sarà più aggiornato nella sua sezione principale. Articoli, curiosità e informazioni su http://www.fabioiuliano.it

#Redbullcliffdiving Hunt vince la tappa italiana

hunt

Davanti a migliaia di spettatori assiepati su scogli, barche e sulla spiaggia del centro di Polignano a Mare, l’inglese Gary Hunt si è aggiudicato la tappa italiana del World Series di Cliff Diving, ipotecando la vittoria finale nel circuito. La gara di tuffi da grandi altezze si è svolta con due trampolini posizionati a 27 metri d’altezza.

buzzoole code

Red Bull Cliff Diving, World Series 2015: è il giorno di Polignano a Mare

Polignano-a-Mare-2015-tuffi-grandi-altezze-foto-Dean-Treml-pagina-fb-Red-Bull-Cliff-Diving-800x533

A Polignano a Mare (Bari) va in scena lo spettacolo dei tuffi dalle grandi altezze. Dopo mesi di attesa, è il giorno delle finali della tappa italiana delle World Series della Red Bull Cliff Diving. In palio anche il titolo femminile: la lotta è serrata dopo le prime due gare stagionali. Per Gary Hunt, invece, passerella in vista dopo un anno da assoluto dominatore del circuito impreziosito anche dall’oro mondiale. Notevole, infine, la risposta del pubblico pugliese, pronto a sostenere Alessandro De Rose che torna a gareggiare nel “suo” Sud dopo l’esordio iridato di Kazan. Uno spettacolo per il pubblico che assisterà a tuffi mozzafiato dai 27 metri della scogliera a picco sul mare del Paese che ha dato i natali a Domenico Modugno.

HIGHLIGHTS DELLA PRIMA GIORNATA
Continua a leggere

Gino Paoli: col jazz teniamo vivo il fuoco dell’Aquila

220px-Gino_Paoli_crop

Compare sul palco sulle note soffuse che escono dal pianoforte di Danilo Rea e inizia a cantare, quasi sottovoce, la sua “Sapore di sale” davanti a una piazza gremita. Quasi una dissolvenza incrociata con le ultime battute di Enrico Rava. Gino Paoli ritrova così il pubblico aquilano che lo ha sempre sostenuto, nel concerto simbolo della maratona jazz, un evento ideato per tenere alti i riflettori sulla ricostruzione aquilana. Paoli canta la Gatta e il Cielo in una stanza e lascia ai Doctor 3 la facoltà di improvvisare sulle note di Bocca di rosa, del suo concittadino Fabrizio De Andrè. Piazza Duomo sogna con Paoli, in una notte dove non c’è spazio per la polemica legata alle ragioni che hanno portato al suo addio alla Siae, ente che ha sostenuto l’organizzazione della kermese. Continua a leggere

Un fiume di gente per #jazz4laquila e la città rinasce anche così

COPW47kW8AEFgxC

Nessun concerto pop, nessun concerto rock. Sul palco neanche cantanti o gruppi da stadio. Solo il jazz a riempire piazze, strade e vicoli, un fiume di gente che canta, balla e si lascia trasportare da improvvisazioni e virtuosismi. Vortici di note e pause improvvise. Il silenzio dei vicoli interrotti da transenne e puntellamenti a fare da contraltare a una festa della musica che non conosce precedenti né all’Aquila, né altrove.

(video racconto fonte: News-Town.it)

Continua a leggere